Fermarsi è un atto d'amore. Sul Riposo Yogico

 
fermarsi.jpg

Incontrare se stessi. In silenzio. Permettere al corpo di lasciare andare tutto: pensieri, emozioni, tensioni fisiche e mentali. Concedersi il diritto di stare in pace nel proprio nido. Prendersi del tempo per non fare, del tempo solo per “stare”.

Mettere un punto nella propria giornata, lasciare che questo punto ci conceda il respiro, l’andare a capo, il distinguere un prima da un dopo.

In diversi anni di esperienza non ho conosciuto una pratica più potente , audace e rivoluzionaria del Restorative Yoga, quell’insieme di asana in cui il corpo, perlopiù seduto o sdraiato, sta senza fare niente. Nessun movimento, nessuno stretching, nessun compito: solo imparare a fermarsi. Il punto zero della pratica. il punto zero della propria rivoluzione personale.

Quando imparo a stare, ho imparato l’arte della presenza e dell’intimità. Con chi altro potrei essere così intima, se non con me stessa? A quale fonte potrei attingere per conoscere, evolvere, sciogliere i nodi del mio cammino se non quel luogo che è in me così profondo e accogliente?

Il Riposo Yogico è una via per imparare a fermarci. Una via dolce e amorevole che non ci impone lo stare, lo nutre semplicemente, affichè possa manifestarsi in noi come una espressione naturale del nostro essere. Il Riposo Yogico è una cura per il nostro tempo veloce che ci sottrae continuamente dal nostro corpo e dalle domande essenziali della nostra vita: Sto bene? Mi sento nutrita, forte, lucida? Mi sto prendendo cura di me?

Da quando ho appreso le tecniche del Restorative Yoga, che sono alla base del Riposo Yogico, ne faccio tesoro personalmente la sera, dopo cena, quando la mia famiglia è andata a dormire. Chiudo le tende che definiscono il mio spazio di pace, in soggiorno, un luogo raccolto e temporaneo dove lascio tutti gli ingredienti utili pronti per l’uso: i cuscini, le coperte, due mattoncini e i cuscinetti per gli occhi. Scelgo l’asana con cui iniziare, sistemo i supporti , mi accomodo e mi lascio andare. Il mio corpo si nutre di pace e di silenzio, elementi essenziali alla vita. Elementi che mi permettono di affrontare qualsiasi compito, responsabilità o scelta, dalla giusta prospettiva, nella giusta distanza. Imparo ad amarmi e ad amare, ogni cosa.